Background Image

Scrivere una pagina “Chi sono” che aiuti a vendere: consigli pratici

0
0
0
s2sdefault

La pagina Chi Sono - o la pagina Chi Siamo - non può mancare all’interno di un sito web: è lo spazio nel quale far capire ai potenziali clienti la propria unicità e in che modo questa li aiuterà a raggiungere i loro obiettivi. Anche se non è una pagina di vendita diretta, è cruciale per farsi scegliere.

1. A cosa serve la pagina Chi Sono e perché dedicarle attenzione
2. Come scrivere la pagina Chi Sono
3. Pagina Chi Sono: gli errori da evitare
4. Tre buoni esempi di pagina Chi Sono

A cosa serve la pagina Chi Sono e perché dedicarle attenzione

Perché riservare tanta attenzione alla pagina Chi Sono, se non è una pagina di vendita? Semplice: perché è qui che le persone si aspettano di trovare le ragioni per le quali scegliere te o la tua azienda. In poche parole, la pagina Chi Sono è quella nella quale vendi te stesso, ovvero le tue caratteristiche uniche, quelle che ti rendono diverso da qualsiasi altro tuo concorrente. È qui che puoi creare la connessione empatica necessaria per farti scegliere.

La pagina Chi Sono è lo spazio in cui parli del tuo cliente, non solo di te.

Ti sembra un controsenso pensare che il protagonista della tua pagina Chi Sono sia il tuo cliente ideale? Prova a metterti nei suoi panni: quando visiti il sito di un’azienda o di un professionista e leggi la pagina Chi siamo, stai cercando una biografia fine a se stessa oppure stai cercando di capire se hai trovato chi soddisferà l’esigenza che ti ha condotto fin lì?

Scrivere la pagina Chi Siamo significa rispondere alle domande “Perché pensi di fare al caso mio?” e “Come risolverai il mio problema?”. Le risposte devono essere contenute nella prima frase della tua pagina di presentazione, per poi venire approfondite successivamente e arricchite con informazioni personali. Per un esempio pratico, ecco l’incipit della mia pagina Chi Sono:

Subito dopo il mio titolo professionale, ecco una definizione più semplice nella quale esplicito i benefici che offro ai miei clienti. Dal momento che di copywriter ce ne sono tanti, è poi il momento di rendere evidenti anche le caratteristiche che mi rendono adatta ad alcuni clienti e, di conseguenza, inadatta ad altri (lo sai, vero, che non puoi andar bene per tutti?). 

Come puoi vedere qui sopra, la mia pagina prosegue apparentemente con una descrizione incentrata su di me, ma che di fatto offre molte informazioni ai miei potenziali clienti: 

  • posso essere presente facilmente in due aree geografiche
  • lavoro con clienti in tutta Italia
  • so aiutare le aziende e i professionisti a comunicare per costruire un brand e relazioni con i clienti
  • ho esperienza nella comunicazione relativa ai temi della sostenibilità ambientale e sociale
  • so, però, trattare molti altri argomenti, raccogliendo tutte le informazioni utili a costruire la comunicazione.

Tutte queste informazioni possono essere esposte attraverso un noioso elenco, ma hanno molta più efficacia se inserite in un testo più discorsivo, che costruisce un dialogo con il lettore. 

Come scrivere la pagina Chi Sono

Dal momento che la pagina Chi Sono è quella apparentemente meno legata a un’esigenza di vendita diretta, è quella dove ci si sente più liberi di improvvisare e di essere più creativi. Il che - se il tono di voce lo consente - va benissimo, purché i contenuti siano organizzati in una struttura tale da fornire tutte le informazioni utili per chi legge la pagina. Considera l’elenco qui sotto come uno schema di riferimento, non troppo rigido, ma assicurati che nella tua pagina non manchi nessuna di queste informazioni e che le informazioni compaiano secondo un criterio di importanza.

  1. Chi Sono, cosa faccio e perché

Inizia con il presentarti e presentare il tuo titolo, se vuoi, ma soprattutto descrivi in modo chiaro quali attività si celano dietro quel nome. Nel farlo, non mettere in luce semplicemente le tue attività. L’informazione più importante è: in funzione di quale risultato le svolgi? Io, ad esempio, l’ho chiarito in questo modo: aiuto le persone e le aziende a trovare le parole giuste per comunicare.

  1. Per chi lo faccio

Nel paragrafo successivo chiarisco, in particolare, a che tipo di azienda o libero professionista sono adatti i miei servizi: ad esempio, chi conosce il proprio target e vuole lavorare in modo consapevole sul proprio posizionamento, non chi è convinto di poter delegare tutto lasciando che sia il copywriter a inventarsi un’identità da appiccicare all’azienda.

  1. Come lo faccio

Nel paragrafo successivo puoi scendere più in dettaglio sul modo in cui soddisfi i bisogni dei tuoi clienti e su quali sono le attività che svolgi: è un approfondimento utile soprattutto per chi vende servizi, o per chi vende prodotti con una funzionalità molto specifica. Per una pagina Chi Siamo aziendale, questo spazio è particolarmente utile per mettere in luce mission e vision.

  1. I risultati del tuo lavoro

È tempo di andare al sodo: se non hai già elencato in modo esaustivo tutti i benefici che risultano dal tuo lavoro, puoi ora approfondire. Il mio consiglio è di essere diretto e concreto.

  1. Informazioni di contatto e CTA

Ricorda che questa pagina è dove convinci davvero i tuoi potenziali clienti che sei la persona giusta per loro, quindi non dimenticare di inserire una Call To Action: cosa desideri che facciano le persone, ora che sono convinte che fai al caso loro? Un consiglio, però: in questa fase non essere particolarmente pressante, spesso chi legge la pagina Chi Sono entra in contatto con te per la prima volta e probabilmente ha bisogno di più tempo e di conoscerti meglio, prima di passare all’azione. Una buona soluzione è quella di lasciare anche i link ai tuoi profili social, o promuovere l’iscrizione alla tua newsletter, in modo tale da poter continuare a coltivare la relazione appena instaurata. Puoi chiudere la pagina aggiungendo la testimonianza dei tuoi clienti soddisfatti. 

Pagina Chi Sono: gli errori da evitare

Dopo aver chiarito la struttura, è tempo di passare alla scrittura del testo. La pagina Chi Sono è forse una di quelle in cui è più facile cadere in errori di comunicazione, proprio perché viene intesa come uno spazio libero, ma allo stesso tempo anche come il luogo in cui mostrare il meglio di sé. Ecco gli errori più comuni da evitare per non cadere nelle trappole dell’ansia da prestazione:

  1. Sciorinare un CV che farebbe impallidire Einstein

Triste ma vero: nella maggior parte dei casi, alle persone non interessano tutti i nostri traguardi professionali raggiunti con fatica e sudore. Vogliono solo sapere se abbiamo le competenze giuste per aiutarle. Va bene segnalare i titoli e le competenze, quindi, ma sempre nella prospettiva del nostro potenziale cliente: l’obiettivo deve essere quello di gli strumenti (conoscenze, esperienze e competenze) grazie ai quali siamo in grado fornire determinati benefici.  

  1. Parlare parlare parlare... senza dire nulla

Quando vogliamo darci un tono rischiamo di cadere nella trappola dei paroloni vuoti e delle frasi altisonanti, senza comunicare niente di davvero distintivo. Dopo una prima stesura del testo, rileggilo ed elimina tutte le definizioni banali e le autovalutazioni. Che tu sia una professionista un professionista preciso e puntuale, ad esempio, dovranno stabilirlo i tuoi clienti. Se sei tu a dirlo, non hai molta credibilità: quale professionista ammetterebbe di essere un ritardatario cronico nelle consegne e di svolgere il proprio lavoro in modo superficiale?

  1. Raccontare tutto di te, ma proprio tutto

Dicevamo che la pagina Chi Sono è lo spazio nel quale parlare, in realtà, del tuo cliente: questo significa che per scrivere il libro della tua vita avrai altre occasioni ;)

Dosa con attenzione le tue informazioni personali e inseriscile dopo aver reso evidenti le tue doti professionali. In generale, cerca di entrare nella sfera privata dando informazioni che possono comunque essere utili ai tuoi clienti e che possono rafforzare la tua identità professionale. Se ti occupi di sostenibilità, puoi mettere in evidenza il fatto che ami gli animali e in casa hai sette cani, dodici gatti, un criceto e due ippopotami. Se ti occupi di finanza ne puoi parlare comunque, ma solo come dettaglio rapidamente accennato che ti rende un po’ più umano agli occhi del tuo interlocutore virtuale.

Tre buoni esempi di pagina Chi Sono

Passiamo alla pratica con tre esempi di pagina Chi Sono a mio avviso ben scritte (ho selezionato tre professioniste non mie clienti, ché altrimenti già lo so cosa pensi: per forza che le reputi ben fatte, le hai scritte tu!).

  1. Martina De Nardi, Inbound Marketing Specialist

Martina si occupa di strategie di comunicazione e con questa pagina Chi Sono dimostra di saperlo fare bene: l’attacco cattura l’attenzione, i paragrafi successivi sono interamente incentrati sul lettore e su ciò che lei e il suo sito hanno da offrire, le informazioni personali evidenziano alcune sue doti che si riflettono positivamente sul lavoro, come la curiosità, la vitalità, la passione per la sua professione. La parte dedicata ai contatti è un’occasione in più per rimarcare in che modo Martina lavora e con che tipo di clienti.   

  1. Chiara Sinchetto, promotrice di consapevolezza finanziaria 

Chi l’ha detto che una pagina Chi Sono non possa essere lunga? Quando hai a che fare con i risparmi delle persone, devi conquistartela per bene la loro fiducia.  Chiara, inoltre, offre un servizio particolare: per tutte queste ragioni fa bene a mostrarsi a fondo e a costruire un dialogo approfondito con il suo potenziale cliente. Chiara mette in evidenza, in primis, i propri valori, mostrando poi la doppia natura della sua formazione e in che modo questa si manifesta nel suo lavoro.

  1. Alessia Romanazzi, psicologa

Una pagina Chi Sono da manuale, che rispetta alla perfezione la gerarchia delle informazioni utili al cliente: la pagina si apre con la definizione del suo lavoro, prosegue con il suo modo di interpretarlo, si sviluppa poi con le informazioni concrete relative alle sue attività e a come esse soddisfino le esigenze dei suoi potenziali clienti. Dato l’ambito professionale, il Curriculum riveste una particolare importanza: Alessia lo ha messo a disposizione dei suoi lettori, senza però creare una pagina Chi Sono infinita, ma lasciando la possibilità di approfondire tramite link.

· Comunicazione a colori ·

Vuoi trovare la tua voce, renderti inconfondibile e comunicare con successo con i tuoi potenziali clienti? Iscriviti alla Newsletter Comunicazione a colori, ogni giovedì riceverai consigli pratici ed esercizi da testare subito! 

Tags: scrittura efficace